lunedì 16 aprile 2018

Recensione "Kingdom Hearts".


Ciao a tutti lettori! 
Sul canale non ho ancora avuto modo di condividere con voi una delle mie odierne fissazioni. 
Stefano❤️ mi ha fatto conoscere il famosissimo videogame "Kingdom Hearts" e nel corso dell'ultimo periodo abbiamo provveduto a giocarci insieme. 
Ovviamente non mi sono soffermata al gioco, ma ho reperito la versione cartacea, giusto per implementare la mia ossessione.



Titolo: Kingdom Hearts
Volumi: 4
Autore: Shiro Amano
Categoria: Shounen
Prezzo: 4,50 € a volume
Pagine: 130
Editore: Panini Comics
Voto: 5/5 🌸



Trama:
Sora vive assieme al suo amico Riku e alla piccola Kairi presso l'Isola del Destino.
I giovani ragazzi sono accomunati dal desiderio di abbandonare la propria casa per partire alla scoperta del mondo, ma la notte precedente alla bramata partenza vengono separati.
Sora si risveglia solo ed in un mondo ignoto. 

Nello stesso istante in un universo lontano il re Topolino fugge lasciando come unica traccia un biglietto. In questo breve scritto Topolino si rivolge al mago di corte Paperino e al capo delle guardie reali Pippo con l'intento di assegnargli un importante compito, ossia seguire il detentore del Keyblade nella propria avventura.
Paperino e Pippo accettano l'incarico e iniziano a setacciare disparati villaggi, finché riconoscono il famoso Keyblade. 
Il custode del leggendario Keyblade, una potentissima spada dalla forma di una chiave e dotata di poteri immensi, è Sora. 
Sora è il prescelto, l'unico in grado di poter chiudere le porte che collegano i mondi, le quali per un arcano motivo sono state aperte. 
Sora, Paperino e Pippo così si incontrano ed insieme formano uno strambo trio. Nel loro percorso dovranno sconfiggere gli Heartless, emissari del male, piccoli esseri neri guidati da un forte potere alle cui basi vi è un terribile piano.


Recensione:
"Kingdom Hearts" è famoso e amato in tutto il mondo, ma con sommo dispiacere devo ammettere la mia ignoranza al riguardo.
Quando ero piccina trascorrevo i pomeriggi giocando ai videogame, ma la conoscenza di tale storia non mi era nota.

Fin dai primi istanti la sensazione che mi ha saputo donare è stato un tuffo nel passato, ho infatti rivestito gli abiti di una bambina immersa nei magici mondi Disney.
Sora, accompagnato da Pippo e Paperino, viaggia nei vari universi Disney facendo la conoscenza dei begnamini della nostra infanzia, come Aladdin e Ariel, con il fine di porgere il proprio aiuto nel dissipare le creature maligne infiltrate nella loro vita.
Il manga segue pedissequamente la narrazione del gioco e possiamo facilmente notare come sia stato lo stesso videogioco fonte per la stesura del cartaceo, infatti sono visibili immagini e scene tipiche della piattaforma informatica, come i frequenti scontri.
Una piccola specificazione è da esplicare sulla circostanza che questi quattro tomi contengono solo la storia ricompresa nel primissimo episodio del gioco. "Kingdom Hearts" è difatti composto da vari titoli, quindi per ritrovare l'evoluzione della vicenda bisogna recuperare le successive serie manga. 
Magia e amicizia sono i due perni di questa onorevole opera intorno ai quali si staglia un'ambientazione sognata fin da piccoli.

Questa realtà fantastica ricomprende la classica lotta del bene contro il male, ma seppur appaia semplice, forse banale, nel suo sostrato è molto complessa. È difatti difficile seguire il pensiero e il volere alla base del racconto. 
Kingdom Hearts è fonte di desideri sia per i grandi che per i piccini, un'idea innovativa e meravigliosa.


8 commenti:

  1. Sembra carinissimo! Ma il gioco è anche per bambini? Si trova per PC o/e per console?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia! Il gioco è stato creato per i bambini, ma è godibilissimo anche per gli adulti. È per qualsiasi età! Io ci gioco alla Ps4, onestamente non so se sia reperibile in altri formati😣

      Elimina
  2. Ciao Diletta! Non conoscevo questo videogioco, ma il fatto che ci siano i personaggi Disney lo rende molto familiare, essendo io grande lettrice di Topolino e amante dei cartoni della Disney.
    Non so se cominciare dal cartaceo o dal il gioco, in ogni caso sarà come ritornare bambina 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandra!
      Io ti consiglio di incominciare dal gioco, perché a mio parere è difficile comprendere il cartaceo senza aver prima giocato.
      Sulla base di quello che mi hai scritto ti piacerà moltissimo 😘

      Elimina
  3. Devo ammettere che sono molto curiosa nei confronti di questa serie di cui ho sentito parlare.
    Non è nemmeno lunghissima per cui potrei recuperarla prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È bellissima Cri, però come ho scritto è solo la prima parte, poi ci sono molti altri volumi! 😘

      Elimina